Contro il programma MUOS.

C’è chi definisce l’Italia, già dai tempi del secondo dopoguerra mondiale, come una sorta di colonia militare della NATO: basterebbe dare un’occhiata ad una qualsiasi mappa aggiornata che indica basi ed altre installazioni militari NATO sul territorio italiano per rendersi conto che tale affermazione non è un’esagerazione propagandistica. Le installazioni militari sono sinonimo di devastazione ambientale, rischi per la salute umana, spesa militare che è denaro sottratto ad altre necessità, impatto negativo sul tessuto sociale e sull’economia locale (“ma le basi militari creano posti di lavoro”, affermano alcuni: ma quanti altri “posti di lavoro”, se fosse questo l’obiettivo principale di una base militare, potrebbero venir creati su un territorio demilitarizzato?), senza ovviamente dimenticare il loro ruolo principale di strumento di guerra. Fra i tanti progetti portati avanti in queste zone franche, fuori dal controllo e dal potere decisionale delle popolazioni che vivono nei loro pressi, vi è quello recente del MUOS. Per spiegare megio di cosa si tratta mi affido alla definizione fornita sul sito web NO MUOS:

Il Mobile User Objective System (MUOS) ( Sistema Oggetto ad Utente Mobile) è un sistema di comunicazioni satellitari (SATCOM) ad altissima frequenza (UHF) ed a banda stretta composto da quattro satelliti e quattro stazioni di terra, una delle quali è in fase di realizzazione in Sicilia, nei pressi di Niscemi. Il programma MUOS, gestito dal Ministero della Difesa degli Stati Uniti, è ancora nella sua fase di sviluppo e si prevede la messa in orbita dei quattro satelliti tra il 2010 ed il 2013. Il sistema MUOS integrerà forze navali, aeree e terrestri in movimento in qualsiasi parte del mondo ed ha l’obiettivo di rimpiazzare l’attuale sistema satellitare UFO. E’ composto da tre trasmettitori parabolici basculanti dalle dimensioni di circa 20 metri ad altissima frequenza 2 antenne elicoidali UHF per un totale di circa 2059 mq di cementificazione. Sino ad oggi “attive” ve ne sono tre: Virginia, Hawaii e Australia, istallate in zone desertiche. Un quarto gli Stati Uniti lo vorrebbero istallare  nella base di C.da Ulmo di Niscemi ( NTFR-NASSIG-NATO), nel bel mezzo della Riserva Naturale Orientata Sugereta di Niscemi. Secondo alcune ipotesi mediche, i campi elettromagnetici prodotti, potrebbero interferire su qualunque apparecchiatura elettrica, quali by-pass, sedie a rotelle, pace-maker, anche a distanza di oltre 140 km, come si evince da studi americani. Tutto ciò comporterebbe “a lunga distanza” insorgenze tumorali agli organi riproduttivi e leucemie.”

Questa bella trovata, il cui costo si aggira intorno ai 3 miliardi di dollari- ma la cifra potrebbe addirittura raddoppiare, è parte del progetto di evoluzione delle tecnologie militari con le quali condurre in modo più efficace e “scientifico” le future guerre contro fantomatici nemici, ieri i comunisti, oggi i musulmani, sempre e comunque chiunque non si allinei alle scelte ed agli interessi del blocco imperialista filoamericano e si trovi in posizione di debolezza militare rispetto agli aggressori. I danni all’ambiente ed alla salute umana sono effetti collaterali già messi in conto, così come sono danni collaterali i sempre più numerosi civili che cadono vittime di conflitti oggigiorno orwellianamente definiti come “missioni di pace” o “interventi umanitari”.

Contro l’ennesimo scempio militarista la popolazione siciliana non è rimasta però a guardare. Su tutto il territorio sono nati comitati NO MUOS che hanno promosso incontri informativi e iniziative di protesta con il chiaro obiettivo di fermare il progetto. L’opposizione al MUOS è variegata e comprende diverse realtà politiche e individui che partono da presupposti diversi, resta da vedere se questa varietà di posizioni risulterà essere un ostacolo e causa di divisioni interne nelle fasi cruciali delle lotte o se, al contrario, sarà decisiva a livello non solo di coinvolgimento numerico ma anche di contaminazione di idee e varietà di pratiche adottate. In ogni caso la questione MUOS non è un problema che riguarda solo gli/le abitanti del territorio nel quale l’installazione dovrebbe venire a trovarsi, ma chiunque abbia a cuore la difesa dell’ambiente e della salute umana e l’opposizione al militarismo. Inoltre la problematica è più ampia di ciò che possa sembrare e riguarda anche il controllo dei flussi migratori, l’uso del nucleare per scopi militari, la sovranità teritoriale e le strategie geopolitiche decise da chi comanda il pianeta. Anche per questo l’ambizione del movimento di opposizione al MUOS è quella di estendersi a livello nazionale, sensibilizzando e coinvolgendo sempre più persone nella lotta. Fra le tante iniziative promosse dai comitati NO MUOS è prevista dal 26 Settembre al 6 Ottobre una settimana di mobilitazione per la smilitarizzazione del territorio siciliano che si concluderà con una manifestazione nazionale a Niscemi il 6 Ottobre 2012. Per informazioni e adesioni alla manifestazione: [email protected] – 3895155514-3297439783; [email protected]; 333-3067017. A chi volesse tenersi aggiornato/a sulla vicenda ed avere maggiori informazioni sul progetto e sull’opposizione ad esso consiglio di seguire il sito Sicilia Libertaria, in particolare i tags “MUOS” e “NO MUOS”, oltre ai siti dei comitati NO MUOS reperibili in rete.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

*