Resistere fa bene alla salute: sulle lotte all’Ospedale San Raffaele di Milano.

http://www.umanitanova.org/sites/default/files/imagecache/anteprima-right/san%2520raffaele.jpg

A fine Ottobre 2012, 244 lettere di licenziamento vengono spedite ad altrettanti/e lavoratori/trici dell’Ospedale San Raffaele di Milano. L’amministrazione ospedaliera giustifica la misura facendo riferimento alla difficile situazione economica della struttura sanitaria il cui bilancio ha un buco di più di un miliardo di Euro, affermando che i/le dipendenti godono di condizioni contrattuali e stipendi migliori rispetto alla media nazionale, condizioni e stipendi che non possono essere mantenuti in una situazione di deficit economico. I lavoratori/trici del San Raffaele, organizzati prevalentemente in sindacati di base (principalmente USI e USB) non ci stanno, ricordano che i problemi economici dell’ospedale derivano dalla gestione corrotta e dagli errori commessi dai managers durante la precedente amministrazione e si dichiarano pronti/e a difendere non solo i posti di lavoro minacciati, ma anche e soprattutto il concetto di sanitá come bene comune accessibile a tutti/e. Rifiutando le proposte avanzate dall’amministrazione che prevedono di volta in volta pesanti riduzioni di stipendi e ore di lavoro non pagate in cambio del momentaneo congelamento dei licenziamenti previsti, i/le dipendenti del San Raffaele si mobilitano con scioperi, cortei, picchetti, blocchi stradali ed altre azioni di protesta. In diverse occasioni bloccano il reparto accettazione dell’ospedale, subendo anche cariche e manganellate da parte della polizia, naturalmente schierata a difesa dell’ordine sociale vigente e dei privilegi della classe dominante: in risposta alla repressione circa tredici dipendenti salgono sul tetto dell’ospedale e lo occupano per un’intera giornata.

lavoratori_sul_tetto_san_raffaele La lunga serie di proteste culmina l’8 Maggio scorso con uno sciopero regionale della sanità in Lombardia che vede la partecipazione di personale delle strutture sanitarie pubbliche e private e l’appoggio di gruppi di pazienti e studenti/esse universitari durante il corteo dei/lle lavoratori/trici che ha sfilato fino alla sede della Regione, raggiungendola nonostate le forze dell’ordine abbiano tentato di impedirlo. Il 10 Maggio successivo si giunge finalmente ad un accordo tra le rappresentanze sindacali e l’amministrazione ospedaliera, accettato infine dai/lle lavoratori/trici riuniti in assemblea: i licenziamenti previsti vengono sospesi e i 64 dipendenti già licenziati vengono reintegrati; viene respinto il passaggio al contratto, decisamente peggiore, della sanità privata; vengono ritirati tutti i pesanti provvedimenti disciplinari nei confronti di lavoratori/trici che durante le lotte avevano superato il numero di ore d’assemblea consentite; l’azienda si impegna a non intraprendere nuove proposte di licenziamenti almeno fino al 31 Dicembre 2014. Le riduzioni degli stipendi, che nelle precedenti proposte dell’amministrazione erano pesanti, si limitano nel nuovo accordo al 9% e non riguardano solo voci di contrattazione aziendale ma anche benefici individuali ed elargizioni padronali fatte a livello personale, il che rende i tagli perlomeno più equi e progressivi.

http://www.ilgiorno.it/milano/cronaca/2012/11/05/797475/images/1496816-san_raff.JPG

Il caso del San Raffaele può insegnarci molto. Innanzitutto che per gli errori commessi dai vertici sono poi i lavoratori/trici quelli che si vuol spremere e sacrificare per rimettere i conti a posto, ma anche che solo con la lotta determinata e unitaria si può ottenere qualcosa: se fosse stato per i sindacati confederali CGIL, CISL e UIL, che oggi celebrano l’accordo raggiunto come una grande vittoria, ci si sarebbe dovuti accontentare di una soluzione ben peggiore. L’accordo sottoscritto è invece un risultato che scaturisce dalle lotte di chi non s’è fatto/a sconfiggere né dalla rassegnazione, né dalle promesse del “meno peggio”, né dalla repressione, non va celebrato come una grande vittoria, come sottolinea l’USI San Raffaele, ma come un primo successo parziale in un percorso di lotte ancora lungo per la difesa dei servizi pubblici e dei diritti dei/lle lavoratori/trici. Quella del San Raffaele di Milano non va intesa solo come una vertenza che riguarda una singola struttura sanitaria, in gioco c’è l’accesso ad un servizio fondamentale da ritenere un bene comune in opposizione alla mercificazione della salute umana.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

*