Laura Gòmez e gli/le altri/e: quando la repressione non ha bisogno di scuse.

Il 24 Aprile scorso è stata arrestata in Spagna Laura Gòmez, segretaria organizzativa del sindacato anarchico spagnolo CGT-Barcellona. Questa compagna si trova attualmente agli arresti in attesa di processo con l’accusa di incendio doloso. L’accusa si riferisce ad un episodio avvenuto durante lo sciopero generale indetto in Spagna da diversi sindacati anarchici (i maggiori dei quali CNT e CGT) il 29 Marzo di quest’anno al quale hanno partecipato, solo per citare Barcellona, 50mila persone. Fra le tante azioni, legali o illegali, messe in campo durante lo sciopero, quellla che è costata l’incriminazione della compagna Gòmez consiste nell’aver incendiato di fronte alla sede della Borsa di Barcellona un cartone contenente fac-simili di banconote: un’azione legalmente annunciata e attuata in presenza di vari organi di stampa. A chi dovesse stupirsi di fronte all’assurdità dell’accusa va ricordato come gli organi repressivi non abbiano necessariamente bisogno di un motivo per colpire, un capo d’accusa può venir inventato di sana pianta da chi tiene il coltello dalla parte del manico, perchè le leggi non solo sanno essere ingiuste, ma non sono nemmeno uguali per tutti. In un momento nel quale in Spagna aumenta il numero di senzatetto, la disoccupazione sale, lo sfruttamento si fa sempre piú feroce e le condizioni di vita per le classi subalterne peggionano considerevolmente giorno dopo giorno, mentre si annuncia che l’Unione Europea si appresta a salvare altre banche del Paese dal fallimento. qualsiasi segnale di lotta e ribellione, a prescindere dalle forme che esso assume, viene represso in modo da creare un esempio che spaventi e minacci quegli/lle oppressi/e che, sempre più numerosi, si mettono in testa di opporsi a Stato e capitale.

Una situazione fin troppo simile si riproduce anche in Italia, sia per quanto riguarda la crisi che per quanto concerne le misure repressive adottate contro qualsiasi forma di dissenso. Uno degli esempi piú recenti riguarda il rinvio a giudizio di ventuno militanti del circolo bolognese Fuoriluogo, accusati/e di associazione a delinquere aggravata dalla finalita di eversione, il tutto per azioni che, nel caso i/le responsabili siano realmente da individuare fra gli/le accusati/e, sono di responsabilità dei singoli individui che le compiono.Di fronte a certi eventi lo stupore e l’indignazione dovrebbero lasciar spazio alla consapevolezza dei meccanismi repressivi, sostanzialmente immutati nel tempo e nei luoghi, ed alla solidarietà unita alla volontá di proseguire lotte di vitale importanza per il riscatto degli oppressi, degli esclusi e degli sfruttati.

Visita il blog in solidarietà a Laura Gòmez e firma l’appello per la sua liberazione (in spagnolo/castigliano ed in catalano).

One thought on “Laura Gòmez e gli/le altri/e: quando la repressione non ha bisogno di scuse.

  1. Laura Gòmez é stata rilasciata ieri 18 Maggio dopo il pagamento di una cauzione di 6000 €, ma il processo a suo carico va avanti, così come vanno avanti processi simili contro altri scioperanti del 29 Marzo. Le manifestazioni alle quali hanno partecipato migliaia di persone, gli appelli e le petizioni hanno sicuramente svolto un ruolo importante nella scarcerazione della compagna catalana, ora la lotta va avanti per la cessazione definitiva della persecuzione giudiziaria.

Leave a Reply

Your email address will not be published.